logoSign upLog in
Segretarie e Receptionist - beBee

Segretarie e Receptionist

~ 100 buzzes
Buzzes
  1. ProducerLuisa Rellini

    Luisa Rellini

    30/12/2016
    Prenotazioni via OTA : perchè non disintermediare?
    Prenotazioni via OTA : perchè non disintermediare?Sempre più spesso si parla di questo fenomeno in forte aumento : il volume delle prenotazioni alberghiere via OTA va ad aumentare, ma il ricavo della struttura interessata quanto ne beneficia? Parlando spesso di questo argomento, la maggioranza...
    Relevant

    Comments

    Luisa Rellini
    03/01/2017 #4 Luisa Rellini
    #1 Grazie per il commento @Davide Caretti ed in effetti quanto dici è vero! Spesso non si crede granchè nella pubblicità o in Google adwords. Un aiuto possono essere per esempio un buon social marketing / networking... certo i clienti non ti cadono dal cielo ma puoi almeno fare in modo di attirare l'attenzione attraverso una comunicazione mirata.
    Credo comunque che Booking sia sempre un ottimo alleato ma anche lì puoi giocartela con buone recensioni, testi, immagini ecc ecc per migliorare ed aumentare le opportunità
    Luisa Rellini
    03/01/2017 #3 Luisa Rellini
    #2 Grazie per il feedback @Flavia Grasso . Penso sia improbabile non ricevere cancellazioni ma puoi anche impostare perchè si faccia addebito sulla late cancellation... però, certo, devi sempre lavorare sulla quantità
    Flavia Grasso
    02/01/2017 #2 Flavia Grasso
    Disintermediare sarebbe ottimo. Il vero problema comunque è quello di evitare le cancellazioni. Ormai pure Airbnb ti permette di cancellare e non perdere niente...
    Davide Caretti
    02/01/2017 #1 Davide Caretti
    Totalmente d'accordo sulle conclusioni. Cioé se mi trovo bene richiamo direttamente la struttura.
    Una cosa che ho notato è che comunque non ho il minimo incentivo a contattare direttamente la struttura. Spesso i siti non sono ben posizionati e curati. Quindi come fare? Ti metti su booking e via. Grazie mille @Luisa Rellini per il bel contributo
  2. ProducerLuisa Rellini

    Luisa Rellini

    10/12/2016
    Il ghosting : il silenzio-non assenso al termine di un colloquio di lavoro
    Il ghosting : il silenzio-non assenso al termine di un colloquio di lavoroCon il termine inglese “ ghosting ” (sparire, fantasmizzarsi) definiamo una pratica non proprio elegante e utilizzata sempre più spesso dalle aziende in Italia. Tuttavia, in che cosa consiste esattamente il ghosting? Ogni volta che un...
    Relevant

    Comments

    Luisa Rellini
    20/12/2016 #10 Luisa Rellini
    Però gentili Signori, questo articolo vi ha smosso e ricordato un mare di cosine vedo... Da parte mia, se la cortesia può perlomeno far piacere è altrettanto indubbio che è fastidioso essere scansati senza educazione o conoscenza specifica del settore!
    Ugo Santosuosso
    14/12/2016 #9 Anonymous
    #7 @Mario Vittorio Guenzi: sai quante volte mi e' successo di essere giudicato da persone che non sa di cosa sto parlando...
    ma alla fine, codesti soggetti, hanno dimostrato a chi li aveva assunti, la propria incompetenza. Come si dice in questi casi: "dagli corda e lascia che ci si $appendano_per_il_collo da soli" ;)
    Ovviamente ci vuole un "bel pelo sullo stomaco" ed un pizzico di arguzia ed intelligenza ;) :D
    (in fondo poi è moooooolto divertente ) :D :D :D
    Mario Vittorio Guenzi
    14/12/2016 #7 Mario Vittorio Guenzi
    #6 @ugo santuosso posso capire il tuo punto di vista, quello che non posso capire e che non digerisco e' che la mia (parlo per me ovviamente) professionalita' venga valutata da qualcuno che non sa di cosa sto parlando.
    Accetto a cuor leggero che qualcuno mi dica ti valuto per la persona che sei e poi ci sara' pinco pallino che ti valuta tecnicamente.
    So di gia' che che il valutatore della parte umana dira' grossomodo questo e' un maledetto tizzone d'i'nferno ma mi aspetto anche che il valutatore tecnioo dica e' un professionista competente anche se non ha gli skill che stiamo cercando.
    Quanto sopra e corretto e accettabile se e solo ho alla fine un riscontro, in caso contrario il reclutatore trovera' un personaggio che risponde ai suoi requisiti stereotipati e che magari tecnicamente e' molto indietro, e l'azienda avra' pagato per 1/2 cartuccia che NON gli risolve il problema o almeno nn glielo risolve in tempi brevi, la differenza e' gusto questa
    Ugo Santosuosso
    14/12/2016 #6 Anonymous
    @Mario Vittorio Guenzi: spesso e volentieri, il selezionatore NON conosce nulla del lavoro per cui sta selezionando il personale.
    Quando, ai suoi tempi, andai a fare il primo ed unico colloquio di lavoro presso il gruppo "nuovo pignone" dopo 20 secondi mi resi conto di questa cosa. Inutile dire che me ne sono andato facendo presente questa cosa a tutti i presenti.... ;)
    Mario Vittorio Guenzi
    14/12/2016 #5 Mario Vittorio Guenzi
    Signora Rellini, sono perfettamente d'accordo con lei che se una persona non e' completamente con la testa nelle nuvole ci arriva, pero' sono dell'idea che in casi come questo anzi soprattutto in casi come questo la forma sia importante, quindi dato che la professionaiita' e' anche in minima parte forma ,quindi a mio avviso " l'esaminatore oberato di lavoro" ha il dovere se non altro morale di chiudere formalmente la posizione, e inoltre ripeto la mia idea e' parte del suo lavoro.
    Non piu' tardi delel 17 di oggi un esamonatore mi ha detto che il colloquio non aveva avuto buon fine, per quanto questo mi possa dar fastidio perche' e' un occasione sfumanta non posso non avere il massimo rispetto di questa persona che con una cosa da poco mi ha chiuso una cosa in essere. e che quindi mi ha dato ulteriore input a cercare ancora e altrove..
    Ho avuto modo di vedere negli ultimi mesi parecchi soggetti preposti alla selezione che sono degli arroganti incopetenti, arroganti perche' viaggiano a tabelle che credono il vangelo, incompetenti perche' non sono in grado di sostenere un colloquio tecnico ma dicono "eh.. pero non hai certificazioni" fa niente se sei in grado di mettere in marcia un cluster HA con su 10 macchine virtuali perfettamente funzionante in 2 giorni o di settare un bastion host con firewall proxy IDS e quant'altro in un tempo simile o minore, quello che ho visto e' che chi non fa la super star ti dice "guarda non hai lo skill enterprise per questa cosa, pero' ti tengo presente nel momento in cui mi salta fuori una posizione in cui stai dentro" e ripeto TE LO DICONO vuoi per telefono vuoi con 4 righe di mail, diversamente stai li e aspeti la grazia di Cesare o se sei appena sveglio dopo 15 gg dici ok lettera morta, complimenti Sig/Sig.ra X sei una emerita capra e non sai dove stia l'educazione.
    Luisa Rellini
    14/12/2016 #4 Luisa Rellini
    #1 Grazie per il Suo feedback Ugo Santosuosso... come dire... parole sante!
    Luisa Rellini
    14/12/2016 #3 Luisa Rellini
    #2 Gentile Mario Vittorio Guenzi, La ringrazio per il feedback.
    Invero ho voluto dedicare un post a questo comportamento perchè in Italia è generalizzato ma in altri Paesi UE non altrettanto.
    A mia volta ricevo periodicamente candidature e mi sembra un semplice atto di cortesia... anche se so che la persona deduce da sè quando non riceve risposta nel giro di 2 settimane ca...
    Mario Vittorio Guenzi
    12/12/2016 #2 Mario Vittorio Guenzi
    Per quanto riguarda i 4 motivi che ha elencato non riesco a trovare una e una sola ragione per non dare un colpo di telefono o fare 2 righe di mail per dire no grazie, a parte la sempre piu' imperante cialtroneria che pervade il nostro paese e il nostro modo di vivere.
    Trovo particolarmente ironica l'ultima delle 4, il povero esaminatore oberato di lavoro non ha ricontattato il/i candidati per dire che la partita e' chiusa, ma non fa parte del loro lavoro? se ti esamino e non vai bene e' parte del mio lavoro comunicartelo, oltre che di una correttezza professionale che considero doverosa (e persa ormai)
    Ugo Santosuosso
    11/12/2016 #1 Anonymous
    Premetto che sono 20 anni che non cerco più lavoro, ma quando mi sono trovato in quella situazione, ( cioè uscire da un colloquio di lavoro seguito da un "le faremo sapere" ) non mi sono MAI fermato nel cercare un altro posto. Infatti, quando poi sono stato assunto, mi sono trovato nella "paradossale" situazione ( paradossale per i giorni d'oggi ) di avere più risposte positive da questi colloqui. Ed in quel caso ho scelto la posizione che mi offrisse il rapporto rompimento_di_scatole/stipendio migliore, e poiché avevo più opzioni, ho potuto anche contrattare una posizione migliore.
    Voglio specificare a chi si sente dire "le faremo sapere": non sentitevi vincolati da una risposta del genere! Continuate a cercare!
    Meglio avere più opzioni che una sola: nel primo caso, male che vada uno stipendio ( che, ricordiamocelo, il fine di un impiego E' guadagnare, NON è andare in "pareggio" o tantomeno "lavorare per la gloria" ) ce lo avete. Una volta che avete quello, poi potete sempre continuare a cercare qualcosa di meglio.
    Questo vale per i contratti a tempo indeterminato, e n maniera molto maggiore per tutti quelli in cui il rapporto lavorativo ha un termine.
    E soprattutto, mettete tutto NERO su BIANCO (solo atti ufficiali e protocolllati - quindi incontestabili): a promettere sono tutti bravi, ma quando poi c'é da mantenere le promesse, chissà come mai, l'Alzaimer impera!
    :D
    PS: per chi fosse interessato, ai suoi tempi, ho lavorato in svariati stati europei e non, ma più di una settimana di disoccupazione consecutiva ogni anno non mi è mai capitata di farla: mentre lavoravo, facevo i colloqui per trovare un lavoro migliore ( meno scomodo e più vicino a casa ) e, magari, meglio retribuito.
    "Intelligenti pauca verba"
  3. ProducerLuisa Rellini

    Luisa Rellini

    26/11/2016
    Come diventare Leader : quali caratteristiche avere?
    Come diventare Leader : quali caratteristiche avere?Quali caratteristiche avere per diventare Leader? Questa volta ho pensato di dedicare un post ad un argomento di cui finora non ho ancora trattato. S’è parlato spesso di come creare una impresa alberghiera ma oggi vorrei invece scrivere delle...
    Relevant

    Comments

    Maria Fonseca
    07/12/2016 #3 Maria Fonseca
    #2 Esatto! Sono convinta prevalga un modello basato su una, più o meno velata, imposizione. In un certo senso, prendimi con le pinze ti prego, mi piace il modello "Mandela". Lui non ha diviso un paese già straziato, ma ha cercato di unirlo. La sua capacità di leadership fa scuola...
    Luisa Rellini
    02/12/2016 #2 Luisa Rellini
    #1 Penso che dovrebbe sempre essere così @Maria Fonseca ... quando invece prevalgono arroganza e prevaricazione, allora nasce il problemino...
    Maria Fonseca
    28/11/2016 #1 Maria Fonseca
    Il mio modello di leadership è partecipativa, ma con moderazione. Alla base cmq c'è sempre il rispetto e la fiducia nelle capacità di chi comanda.
  4. ProducerLuisa Rellini

    Luisa Rellini

    21/11/2016
    Quanti Reception occorrono in turno?
    Quanti Reception occorrono in turno?Recentemente mi è stato chiesto quanti Receptionist dovrebbero esserci in turno in una struttura ed allora ho pensato che valesse la pena esprimere una personale opinione, basata sì su quanto dovrebbe essere in Teoria ma molto anche...
    Relevant

    Comments

    Maria Fonseca
    22/11/2016 #3 Maria Fonseca
    #2 Certamente! ;)
    Luisa Rellini
    22/11/2016 #2 Luisa Rellini
    #1 Grazie @Maria Fonseca per il tuo feedback. Si va anche per Teoria... poi la vita reale è spesso molto diversa...
    Maria Fonseca
    22/11/2016 #1 Maria Fonseca
    Salve @Luisa Rellini. Mi piacciono molto i tuoi articoli. Mi sono sempre chiesta quale fosse il numero ideale!