Cristina Skarabot en web marketing, Social Media, Marketing Online Consulente Marketing • Comunicaresocialmedia.it 9/11/2016 · 1 min de lectura · +200

Il piano editoriale per Twitter: una breve guida

Il piano editoriale per Twitter: una breve guidaSul mio sito Comunicare Social Media ho affrontato l’importanza della creazione di un piano editoriale che porti ad aumentare l’engagement su Facebook.

In questo post voglio invece condividere con voi un metodo da seguire per la creazione del piano editoriale per Twitter, proponendovi un metodo che vi aiuterà ad avere maggiore consapevolezza dell’intero processo e indicandovi alcuni strumenti per l’analisi e l’ottimizzazione.

Il primo passo da compiere per la realizzazione del piano editoriale per Twitter è un’attenta analisi dei contenuti di maggiore interesse per individuare quali tematiche creano maggiore coinvolgimento nella comunità professionale a cui ci si rivolge. Come fare? Io ti consiglio di utilizzare questi due strumenti:  Simplymeasured.comoppure TweetCharts.com.

A questo punto devi avviare la ricerca degli influencer su Twitter, per coinvolgerli attivamente in un dialogo tra azienda e potenziali clienti. Io solitamente procedo creando 4 Liste, una per gli influencer online, una dei media online e dei giornalisti di settore, una di clienti e partner ed una dei competitor. Come li individuo? Utilizzando il motore di ricerca interno di Twitter. Lavoro lungo e meticoloso, ma essenziale per avviare una attività che porti a risultati concreti.

A questo punto inizia la vera e propria fase editoriale che riguarda in primo luogo la ricerca dei contenuti da pubblicare e commentare sul proprio profilo Twitter. Da quali fonti autorevoli attingere? Con chi vuoi maggiori interazioni (menzioni, like, commenti)? Quali profili desideri di ritwittino con maggior frequenza?

Il mio consiglio è individuare delle aree tematiche di possibile interesse per la tua community, i tuoi follower, il mercato in cui operi suddividendo poi tali contenuti per tipologia da alternare nel tuo piano editoriale per Twitter: contenuti utili, backstage, contenuti promozionali, news di settore, contenuti come infografiche e aforismi ad alto tasso di condivisione.

Infine è necessario calendarizzare i contenuti per giorno e ora di pubblicazione, alternando la tipologia di tweet e seguendo sempre un obiettivo (awareness, lead generation, vendite). Considera di dare spazio a tutte le tipologie di media, dal video all’immagine e tracciare i tweet per monitorare i risultati e scoprire cosa piace di più ai tuoi follower.

Infine monitora i risultati in termini di portata generata, incremento dei follower, numero di menzioni, retweet e interazioni, numero di click generati, tasso di conversione, vendite concluse (certo, perché sui social media si può anche vendere!).

Quali strumenti utilizzare? Personalmente mi trovo molto bene con Tweetdeck, da integrare con il più tradizionale Hootsuite.

E tu fai già social media marketing su Twitter? Hai un modello di piano editoriale per Twitter che segui regolarmente per la gestione della tua pagina? Raccontami la tua esperienza.



Riccardo Marciani 24/11/2016 · #4

#3 Grazie Cristina, non lo conoscevo. Lo proverò!

0
Cristina Skarabot 23/11/2016 · #3

#1 Certamente Twitter per il customer care è in costante crescita, accanto a Hootsuite voglio segnalarvi PostPickr, tutto italiano!

+1 +1
Davide Caretti 10/11/2016 · #2

Io hoootsuite tutta la vita. mi trovo bene anche con il semi sconosciuto Postcron. Saluti

+3 +3
Riccardo Marciani 10/11/2016 · #1

Ottime precisazioni. Noi in Alitalia seguiamo le stesse linee guida per i social. Io non gestisco direttamente il piano editoriale (lo fanno i CM), ma sono al corrente della strategia di fondo a livello comunicativo. Tra l'altro in imprese di queste dimensioni si utlizza molto Twitter per dare risposte concrete e dirette ai clienti. Credo sia ancora Hootsuite il più usato, anche perché abbastanza flessibile e facile da usare. Grazie @Cristina Skarabot e Saluti!

+4 +4