Fabio Pandiscia en Psicologia, Marketing e Comunicazione, Risorse Umane CEO • FormaeMentis 2/11/2016 · 2 min de lectura · +300

Linguaggio del corpo: presentarsi ad un colloquio di lavoro

Linguaggio del corpo: presentarsi ad un colloquio di lavoro

Ciao,
ti stai presentando ad un nuovo colloquio di lavoro?
Allora non perdere questi semplici consigli.

Il più delle volte un colloquio di lavoro ha solo una cosa certa: l'ansia.

Certo tutti quando affrontiamo una prova proviamo
un po’ d’apprensione, ma per chi é già ansioso di indole
(o teme il giudizio degli altri) sono momenti terribili.

Sono momenti in cui si suda (i palmi delle mani soprattutto)
ci si muove nervosamente sulla sedia, si ha anche difficoltà
ha tenere lo sguardo sull'interlocutore. 

Varie indagini in cui è stato simulato un colloquio di lavoro
hanno portato i ricercatori alla conclusione che anche il modo
di toccare se stessi indica un’agitazione eccessiva.

Chi é ansioso tende a "pizzicarsi" la pelle, specie del volto e
questo 
è un segnale di nervosismo che andrebbe evitato.

Abbiamo pubblicato anche qualcosa in podcast su questo argomento
 - clicca qui per ascoltare il file audio -


E che dire della voce?

La voce può tradire una certa ansia, perché diventa più
stridula e soffocata.

Il timbro e il volume della voce sono indici molto ricercati
quando l’azienda deve sceglie un nuovo direttore o un
capo area.

Chi é leader naturale, o chi è ambizioso, ha un tono più pieno,
sonoro, e nel parlare esibisce qualche decibel sopra la media.

Anche il modo di guardare mentre si parla è importante, infatti 
le persone più competenti e sicure di sé guardano più spesso
l'interlocutore negli occhi.

Se ricordi bene abbiamo già trattato questo argomento in
un post, lo puoi andare a leggere cliccando qui sotto:
===> Linguaggio del corpo nella selezione del personale <===


Vuoi ancora risorse su questo argomento?
Bene, se vuoi c'è un bel post di approfondimento su questa tematica,
che parla di: - "come una voce ricca di modulazioni denota una
ricca vita interiore" - lo puoi trovare sul mio blog personale
- clicca qui per leggere l'articolo -


Cosa dire poi delle emozioni?
Durante un colloquio importante sembra quasi che ogni emozione
voglia fuori-uscire da ogni nostro singolo poro e urlare a squarciagola. 

Saperle riconoscere è veramente importante.

Le emozioni che devi far trapelare all'esterno le sai gestire?
Le sai riconoscere?

Se non frequenti un corso sul linguaggio del corpo,
allora, forse ti serve un piccolo aiuto per esercitarti quantomeno
a riconoscerle. Allora cosa c'è di meglio di un videogioco?
Si hai capito bene, se - clicca qui - troverai una risorsa gratuita
che ti permette di esercitarti.
Si chiama FaceTurn ed è uno dei tanti strumenti presenti sul
web che aiutano le persone a riconoscere ed identificare le
emozioni.

Mi piace divulgare informazioni gratuite su questo argomento
per aumentare nelle persone la consapevolezza di comunicare
meglio e con più efficacia, ma allo stesso tempo voglio far notare
l'enorme lavoro che c'è sotto. 

Non credo che esista (almeno in Italia) un blog sul linguaggio
del corpo come FormaeMentis, il fatto che sia anche multi autore,
lo rende addirittura unico.

Infatti come hai visto, anche grandi esperti internazionali di body language
scrivono sul blog importanti articoli (vedi Allan Pease, Matsumoto,
Stu Dunn, ecc) e questo mi rende veramente orgoglioso.

Quindi, chiudendo questa premessa, spero che il mio lavoro sia
veramente apprezzato da te.

In ogni numero, non solo trovi tante informazioni di contenuto
che spesso divulgo sia nei miei libri, sia nei miei corsi sul tema 
della comunicazione non verbale, ma se ci hai fatto caso, trovi
spesso tanto materiale gratuito, di alto valore aggiunto all'articolo
o al podcast che in genere ogni lunedi pubblico sul blog  
formaementis (pagine in pdf di alcuni miei libri, file audio,
piccoli ebook ecc).

Per approfondire le tue conoscenze sul linguaggio del corpo
ti consiglio di partecipare al prossimo evento. 

Non perdere la tua occasione di esserci a Rieti, il 19 e 20 Novembre al
prossimo corso sul linguaggio del corpo:
===> Clicca qui per il corso linguaggio del corpo <===

a presto

Fabio



Chiara Randazzo 3/11/2016 · #2

#1 In effetti è un articolo utile. Il controllo delle emozioni non è del tutto negativo, può portare ad una maggiore consapevolezza e a raggiungere ottimi risultati (in questo caso un lavoro).

+2 +2
Giampiero Vilardi 3/11/2016 · #1

Consigli molto utili @Fabio Pandiscia. Soprattutto per coloro che entrano su beBee per qualche buona offerta di lavoro o comunque fanno networking. Grazie mille

+1 +1