Luisa Rellini en Professioni e mestieri, Turismo e settore alberghiero, Imprenditori Hospitality and Reservation Consultant | Customer Care | Social Networking • Freelancer 21/11/2016 · 3 min de lectura · +500

Perchè creare una forchetta tariffaria?

Perchè creare una forchetta tariffaria?

Perchè creare una forchetta tariffaria e, soprattutto, di che cosa stiamo parlando? Se avete già sentito parlare di questa forma di segmentazione, vi siete mai chiesti come mai si parli di forchetta?

Ebbene, nulla capita per caso ed anche la curiosità deve essere stimolata perchè si tenda ad approfondire o perlomeno migliorare le proprie iniziali informazioni. Questo perchè a mio parere anche chi non sarà mai un Revenue Manager, comunque potrà apportare dei benefici alla propria azienda attraverso una accurata formazione e conoscenza mirata.

Per dirla meglio, si può diventare un utile Revenue agent e/o assistant con specifiche competenze finalizzate alla gestione del pricing e realizzazione profitto in nome e per conto della propria azienda o di un Committente.

Partiamo dalla definizione :

Revenue is the total amount of income generated by the sale of goods or services related to the company’s primary operations

Profit, conversely, is the infamous bottom line. This is called Net profit, because it is the amount of income that remains after accounting for all expenses, debts, additional income streams and operating costs.

While revenue and profit both refer to the money a company makes, it is possible for a company to generate revenue but have a net profit loss. This occurs when debts or expenses outstrip earnings. (Fonte: Investopedia)

Si può vivere senza Revenue management? Probabilmente no, in quanto ci aiuta a tenere sotto controllo costi e ricavi… ci fa capire come e cosa analizzare per restare sempre aggiornati sulla situazione della nostra azienda, a mio parere a prescindere dalle dimensioni e tipologia di struttura… A tutti noi comunque interessa fare cassa!

Perchè forchetta? Perchè ci offre l’opportunità di segmentare meglio la nostra clientela e di vendere quanto meglio possibile le nostre camere e servizi aggiuntivi…

Partiamo da un Listino prezzi che debba contenere la nostra Bottom rate (ovvero la nostra tariffa base che ci garantisca un profitto netto) ed una Rack rate (ovvero quella tariffa più alta che auspichiamo vendere quanto più possibile nell’arco della stagione).

Seppur si stabilisca, in base ad esperienza / analisi e storico dati, un Tariffario generalmente suddiviso in 3 fasce (bassa/media/alta stagione) nulla vieta che in base alla domanda si diventi magicamente flessibili e si cambi il nostro prezzo dal più basso ad una fascia intermedia o più alta… O, al contrario, risulta alquanto inutile tenere un prezzario rigi