Patrizia La Daga en Interviste, Italiani Nel Mondo Founder & General Manager • Italianiovunque.com 4/10/2016 · 1 min de lectura · +100

Moglie di un diplomatico: “Il mio ruolo è la stabilità familiare”

Moglie di un diplomatico: “Il mio ruolo è la stabilità familiare”

Vi siete mai chiesti come vive la moglie di un diplomatico? E la sua famiglia? Se state pensando a un susseguirsi di feste esclusive, viaggi esotici e lussuose dimore, siete fuori strada.

Nell’immaginario collettivo i diplomatici e le loro famiglie conducono un’esistenza dorata e godono di mille privilegi, ma la realtà, in genere, è molto meno suggestiva.

Per saperne di più ho incontrato Gloria Battaglia, milanese di nascita e romana di adozione, moglie dell’attuale Console Generale d’Italia a Barcellona, che ha accettato di farsi intervistare a patto di pubblicare immagini discrete, in cui sia poco riconoscibile. Riservata per natura, la signora Battaglia protegge in tutti i modi la privacy della sua famiglia e giustifica così la sua decisione:

Un console è un personaggio pubblico già abbastanza sovraesposto. Io preferisco non apparire.

Vita da moglie di un diplomatico: in India senza latte né pannolini per la neonata

Battaglia mi riceve in un signorile appartamento di un quartiere residenziale della capitale catalana. La chiacchierata è piacevole quanto interessante, anche perché la moglie del console è un avvocato e la sua oratoria non è mai banale. Le esperienze vissute a partire dalla prima missione diplomatica di suo marito in India, nel 1998, fanno di questa donna minuta ma di carattere una dispensatrice di saggezza. E, come no?, di diplomazia.

La vita della moglie di un diplomatico non è tanto diversa da quella delle mogli di altri espatriati con mobilità elevata, come i manager delle multinazionali. Il nostro primo ruolo è quello di dare stabilità alla famiglia. Ricordo sempre le parole di un capo di mio marito, uomo di grande esperienza, che alla vigilia del matrimonio mi disse che se mi sposavo per i viaggi, i cocktail e la vita avventurosa era meglio lasciar perdere. Il lavoro diplomatico è logorante per la coppia e per la famiglia e il ruolo della moglie è garantire gli equilibri familiari. Cosa non sempre facile.   

Continua a leggere


Flavia Grasso 5/10/2016 · #1

In effetti, nell'immaginario collettivo, i diplomatici e di riflesso le loro famiglie, li immaginiamo sempre a bordo piscina con un bel bicchiere di champagne fresco in mano. Il ritratto che emerge dall'intervista di @Patrizia La Daga è diverso, più reale e umano che mai. Mi è piaciuto molto.

0