Roberto A. Foglietta en Economists and Finance, Communications and journalism, IT - Information Technology ◽Freelance Consultant • ◾www.roberto.foglietta.name 9/2/2018 · 5 min de lectura · +600

Dialogo su i due mondi

Dialogo su i due mondi

Published on February 9, 2018 on LinkedIn

Introduzione

Caro Enzo, se le dovessi dirti qual è il requisito attualmente non soddisfatto per la formazione degli Stati Uniti d'Europa, e più in generale per superare il paradosso di Fermi ovvero la capacità della specie umana di sopravvivere a se stessa, lei si metterebbe a ridere.

Dare importanza a chi non lo merita e togliere importanza a chi lo merita.

Sembra una boutade, vero?

Ma se ci riflettiamo un momento e valutiamo la velocità con cui evolvono le cose unita al fatto che culturalmente siamo cristallizzati in paradigmi che talvolta si rifanno alla società degli antichi Romani, seppur vero che l'essere umano sotto certi aspetti è sempre lo stesso, il mondo è cambiato.

Il nuovo mondo

Il mondo è diventato un sistema chiuso e veloce, quindi chiuso e piccolo. 

In quel momento storico, che possiamo identificare nel'annol 1990 cioè subito dopo la caduta del muro di Berlino, tutto quello che pensavamo e credevamo essere vero e immutabile è diventato nella migliore delle ipotesi un approssimazione non sufficientemente corretta.

Inevitabilmente, tutte le metriche si sono progressivamente invertite rispetto alla realtà per essere rimaste ancorate convinzioni obsolete. Un adattamento al contrario, comporta una selezione al contrario.

Per fare un analogia è come se ci ostinassimo a usare la meccanica classica per pianificare traiettorie spaziali.

Il punto di non ritorno

Oltre a un certo