Roberto A. Foglietta en Coaching, Dirigenti e manager, Information Technology (IT) ◽Freelance Consultant • ◾www.roberto.foglietta.name 12/11/2017 · 5 min de lectura · ~100

La terza dimensione della conoscenza (PM)

La terza dimensione della conoscenza (PM)Published on November 12, 2017 on beBee

Introduzione

Il modello di valutazione delle competenze comincia a dimostrarsi inadeguato al mondo del lavoro contemporaneo. 

La formazione continua cerca di supplire a questo fenomeno di obsolescenza precoce del valore del capitale umano ma dopo oltre 10 anni anche questo approccio sta dimostrando di non essere la soluzione. Sì chiaro, la formazione continua è importante, costa tempo e fatica, perciò in un momento di vacche magre la tentazione di tagliare su questo tipo di investimento è molto forte. Per fare di più con meno risorse serve un capitale umano più qualificato. È un circolo vizioso!

C'è però un motivo più profondo per il quale la formazione continua ma anche quella scolastica e universitaria non sta producendo gli effetti sperati in termini di curva di valore in rapporto alla curva dei costi.

Socrate, il saggio

Il problema è stato identificato circa 2.500 anni fa da Socrate 

  • Saggio è colui che sa di non sapere.

ma è rimasto latente fino a quando la velocità non è diventata frenesia, l'informazione una commodity [1] e la connettività ha portato a livello dell'individuo la complessità del mondo intero.

Il lavoro intellettuale

Nel mondo moderno, il lavoro intellettuale è una parte preponderante della creazione del valore. Lo è sempre stato ma la tecnologia ne ha amplificato la portata e la rilevanza. 

La tecnologia lo ha anche reso incredibilmente più difficile perché ampliando lo spazio delle soluzioni {S} ha enormemente ampliato lo spazio delle non-soluzioni {!S} quindi lo spazio del problema {S}U{!S}.

Trovare una soluzione non è più cercare un ago nel pagliaio ma è diventato, in alcuni casi, trovare il pesciolino di nome Nemo nell'oceano. Si trova di tutto ma non Nemo.

Google Inc. è la dimostrazione lampante d