Stefano Venturi en Chiacchiere fotografiche, Blogger, beBee in Italiano ICT Group Manager & Photoblogger • Finmasi Group 4/6/2018 · 4 min de lectura · ~100

Le migliori destinazioni per viaggi fotografici: Estate 2018

Le migliori destinazioni per viaggi fotografici: Estate 2018

Noi fotografi non stiamo mai fermi. Siamo come gli squali, dobbiamo muoverci di continuo, perché cercare nuovi spunti, paesaggi, persone da “catturare” equivale per noi alla respirazione.

L’estate ci rende tutto più semplice. C’è chi preferisce avventurarsi per gli Stati Uniti alla ricerca di tempeste e fulmini e ne esce fuori un epico slow motion in 4K come quello realizzato da Dustin Farrel.

C’è chi invece più prudente decide di immortalare un’eclissi solare in Georgia. Qualunque sia la vostra passione, un mojito sulla spiaggia da condividere su Instagram con gli amici, oppure gli splendidi vigneti e le onde impetuose che di Viña del Mar, l’estate è la stagione perfetta per fotografare.

Non c’è niente di meglio allora che condividere con voi idee di viaggio in giro per il mondo per fotografi dilettanti, professionisti del settore e per tutti coloro che viaggiano sempre pronti a catturare i momenti più belli della vostra Estate 2018.

Angkor Wat (Cambogia)


Photo by Romacdesigns / CC0 Creative Commons

Un sogno a occhi aperti. Le misteriose strutture che si aggrovigliano da millenni cresciute in simbiosi con la foresta pluviale rappresentano uno dei luoghi più suggestivi del nostro pianeta. Un sito archeologico senza eguali nel mondo. Natura e pietre unite insieme.

Enormi vasche e piscine d’acqua collegate da un sistema di canalizzazioni unico nel suo genere. In Estate le rovine di Angkor offrono uno spettacolo magico e suggestivo.

Da non trascurare il clima più fresco alla sera e al mattino dovuto alle piogge quotidiane, molto meglio delle temperature afose del resto dell’anno.

Plateau des Bolovens (Laos)


Il Laos è un luogo perfetto per gli amanti del trekking e della natura. Il Plateau des Bolavens è un altopiano carsico che offre ricchezza naturalistica e paesaggistica unica nel suo genere.

Cascate imponenti come quelle di Tad Fane che superano i cento metri, le ampie coltivazioni di caffè, eccellenza locale che viene esportata in tutto il mondo.

E poi i villaggi tribali alak, katu, tahoy adagiati su corsi d’acqua immersi nel verde testimonianza di uno stile di vita ancora intatto e autentico. Un itinerario suggestivo per gli amanti della natura.

Stewart Island (Nuova Zelanda)


Photo by Christoph Strässler / CC BY-SA 2.0

Se l’Islanda è una delle mete privilegiate per godere della magia dell’Aurora Boreale, come fare d’Estate per catturare questo meraviglioso spettacolo della natura?

La soluzione è prendere un biglietto per la Nuova Zelanda e una volta atterrati dirigersi all’estremo sud per arrivare alla cittadina di Bluff. Da qui un traghetto vi porterà a Steward Island. Ed ecco a voi l’altrettanto magica seppur meno conosciuta Aurora Australe, meglio nota come Luci del Sud.

L’isola è in gran parte selvaggia con numerose colonie di uccelli. Un paradiso per i bird watchers. E poi la magia delle luci del sud che qui raggiungono un’incredibile intensità. Ma attenzione, per questo spettacolo il preavviso è di una mezz’ora perciò armatevi di pazienza e sarete sicuramente ricompensati.

Viña del Mar (Cile)

Affacciata sull’Oceano Pacifico, Viña del Mar presenta una varietà paesaggistica che ricorda molto da vicino le fertili colline della zona del Mediterraneo.

Non a caso il nome significa letteralmente Vigneto del Mare e la zona è celebre per i suoi vini e per le sue spiagge. Non lontano da qui, la città di Valparaiso è meta rinomata tra i fotografi per le sue case colorate che si inerpicano sulle ripide alture di fronte alla costa.

Il Wulff Castle di Viña del Mar, un tempo residenza di un facoltoso filantropo tedesco, sorge su di uno sperone di roccia battuto dalle onde oceaniche. Ai confini della città l’enorme e bellissimo Giardin Botanico per ammirare in un contesto unico i mille colori della flora cilena.

Kyoto (Giappone)


Photo by Mariamichelle / CC0 Creative Commons

Capitale del Giappone per più di mille anni, Kyoto è la città dei templi. È qui che la filosofia zen si è sviluppata e diffusa in tutto il mondo ed è sempre qui che la passione per la fotografia esotica trova scenari perfetti da catturare.

Il tempio di Kyiomizu-Dera è un luogo magico immerso in un’atmosfera pervasa di misticismo e tranquillità. Costruito senza l’ausilio di chiodi nel 2007 è stato nominato per essere inserito tra le Sette Meraviglie del mondo moderno.

Arashyama è la foresta di bamboo. Situata a qualche chilometro da Kyoto questa suggestiva località è l’immagine perfetta di un Giappone segreto.

San Cristobal de las Casas (Messico)

Se è soprannominata il Pueblo magico (Città magica) una ragione ci sarà. Più di una del resto visto che San Cristobal de Las Casas situata nel territorio del Chapas conquista il viaggiatore fin dal suo arrivo.

A duemila metri di altitudine con viste mozzafiato sulle alture circostanti. Potete passeggiare lungo Calle Real de Guadalupe affollato di locande e negozi di artigianato locale.

Oppure scegliere di seguire lo spettacolare itinerario che attraversa il Canyon del Sumidero le cui pareti in alcuni punti raggiungono il chilometro di altezza.

O ancora decidere di incontrare le popolazioni indigene presso il villaggio di San Juan Chamula dove ogni Domenica si tiene il pittoresco mercato delle comunità maya tzotzil.

Yazd (Iran)


La città di Zarathustra dove il fuoco zoroastriano brucia ininterrotto da oltre quattrocento anni. Yazd con le sue torri del vento che svettano dai tetti delle abitazioni per catturare l’aria calda del deserto e rinfrescare le stanze interne.

Condizionatori ante lietteram che rappresentano una testimonianza unica dell’architettura cittadina. Tutto attorno sabbia e dune in un paesaggio da Mille e una Notte.

Yazd è la Persia magica con le sue moschee colorate di un azul così intenso e perfetto che viene da chiedersi come siano riusciti a creare una simile tonalità di colore. E poi i suoi abitanti accoglienti e sempre pronti ad invitarvi per un te all’ombra di portici rinfrescati da fontane.

Isola di Terranova (Canada)

Photo by manumilou / CC BY-SA 2.0

Natura, natura e ancora natura. I mastodontici iceberg che arrivano fin qui dalla Groenlandia e che potete ammirare con escursioni in barca o semplicemente fermandovi nei numerosi punti di osservazione lungo la costa rocciosa.

Il fiordo di Western Brook Pond dove si gettano le più alte cascate dell’America settentrionale. Il villaggio di pescatori di Woody point che dà un’idea delle condizioni di vita degli abitanti di Terranova nei secoli passati.

Una terra dura e aspra, ma che conserva il fascino di quei luoghi ancora selvaggi in cui l’uomo è dovuto scendere a patti con la natura per poter sopravvivere in condizioni così estreme. Vale la pena leggere il libro di Annie Proulx, Avviso ai naviganti,  prima di partire per questo viaggio emozionante.

Arcipelago toscano (Italia)


Per finire un reportage fotografico in luoghi vicini a noi e che in Estate danno il meglio di sé. L’Arcipelago Toscano con le sue numerose isole offre paesaggi estremamente diversi per le caretterisciche peculiari delle diverse località.

Dalle suggestioni letterarie dell’Isola di Montecristo, all’Isola del Giglio, piccolo gioiello facilmente raggiungibile dal porto di Santo Stefano.

E poi l’isola di Capraia dove le vecchie strutture carcerarie offrono scorci unici sul passato dell’isola. Giannutri con il suo mare incontaminato e l’Isola d’Elba dove natura e movida si uniscono insieme per offrire un tour fotografico da sogno e serate estive all’insegna del divertimento.

Se ti è piaciuto questo articolo, vieni a visitare il PHOTOBLOG dove potrai trovare tantissime novità dal mondo della fotografia. Ricordati inoltre d'iscriverti alla newsletter mensile per rimanere sempre aggiornato.